La coppia perfetta di B.A Paris- Recensione

PREZZO: €5 (COPERTINA FLESSIBILE)
PREZZO EBOOK: €9.99

Chiunque avesse l’occasione di conoscere Jack e Grace Angel penserebbe che sono la coppia perfetta. Lui un avvocato di successo, affascinante, spiritoso. Lei una donna elegante e una padrona di casa impeccabile. Chiunque allora vorrebbe conoscere meglio Grace, diventare sua amica, scoprendo però che è quasi impossibile anche solo prendere un caffè con lei: non ha un cellulare né un indirizzo email, e comunque non esce mai senza Jack al proprio fianco. Chiunque penserebbe che in fondo è il classico comportamento degli sposi novelli, che non vogliono passare nemmeno un minuto separati. Eppure, alla fine, qualcuno potrebbe sospettare che ci sia qualcosa di strano nel rapporto fra Grace e Jack. E chiedersi per esempio perché, subito dopo il matrimonio, Grace ha lasciato un ottimo lavoro sebbene ancora non abbia figli, perché non risponde mai nemmeno al telefono di casa, perché ci sono delle sbarre alle finestre della camera da letto. E a quel qualcuno potrebbe venire il dubbio che, forse, la coppia perfetta in realtà è la bugia perfetta…

 

 

 

 

 

 

 

“L’uomo non può essere una merce, non può essere privato della sua libertà.”

La libertà è una condizione in cui l’uomo,la donna o più in generale, l’essere umano è libero di avere un idea,un pensiero e di agire in maniera del tutto libera e senza costrizioni.
Oggi giorno le notizie di femminicidi, di donne segregate, seviziate, violentate sono una macabra consuetudine. Il telegiornale è composto all’80% di cronaca nera, ma se le sentiamo queste notizie e perchè vengono alla luce, escono dal buio del male e ritornano in superficie. Ma cosa succederebbe se una di queste donne, all’apparenza perfetta, nascondesse un macabro segreto?
“La coppia perfetta” è un romanzo psico-thriller e direi che,come il suo titolo, esso è un libro perfetto in questo genere. Esso narra la storia di Grace e Jack che sembrano una coppia perfetta, ma in realtà nascondono un segreto scabroso.
Un romanzo adrenalinico, pieno di colpi di scena, di rabbia repressa e di libertà negata. In un altalena di emozioni che catapulterà il lettore in una montagna russa di eventi.
Alla base di un buon thriller che si rispetti c’è la caratterizzazione dei personaggi, in questo caso il lavoro è minuzioso, almeno per quanto riguarda i due protagonisti, meno elaborato per i personaggi secondari. I due protagonisti, ossia la splendida coppia, hanno entrambi caratteri forti, pieni di spigoli che piano piano si smussano per trovare un equilibrio che,ovviamente, verrà spazzato via dal matrimonio. Infatti l’evento di svolta è proprio il matrimonio. Esso ridimensionerà in maniera del tutto negativa i personaggi e le loro (sue) inclinazioni.
Mi aspettavo qualcosa di diverso, mi aspettavo un romanzo thriller, ma a basso contenuto di ansia e rabbia perchè il titolo non da nessun indizio sulla realtà dei fatti. Mi sono,invece, ritrovata con un romanzo pieno d’odio,di rabbia,ma anche pieno di speranza e amore. Un amore diverso da quello di coppia, altrettanto viscerale e forte come quello di Grace verso la sorella Millie,affetta da sindrome di Down. Anche questa scelta di affibbiare ad un personaggio una sindrome così complessa e veramente azzeccata dando luce al personaggio, Millie infatti è la persona con maggior acutezza, ha capito subito che qualcosa non andava e, a differenza di Grace, si è impegnata per trovare una soluzione.
Un romanzo d’esordio di questa autrice che promette veramente bene! Sicuramente recupererò il secondo suo scritto cioè “La moglie imperfetta”
In conclusione ammetto di aver avuto una piacevole sorpresa, un romanzo mozzafiato che vi terrà incollati alle pagine.

Precedente Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi- Recensione Successivo La luce alla finestra di Lucinda Riley- Recensione