La cattedrale del mare di Ildefonso Falcones-Recensione

Hi guyssssss
Sto cercando di aggiornare in modo migliore il blog e oggi mi dedicherò all’inserimento di varie recensioni fatte da me sul sito di Qlibri: http://www.qlibri.it/recensioni/mie-recensioni/
Partiamo,da come potete vedere dal titolo,dal
“LA CATTEDRALE DEL MARE” di Ildefonso Falcones
71IUpZcG7-LCopertina flessibile: 656 pagine
Editore: TEA (10 ottobre 2013)
Collana: Super TEA
Sinossi:
Barcellona, XIV secolo. Nel cuore dell’umile quartiere della Ribera gli occhi curiosi del piccolo Arnau sono catturati dalle maestose mura di una grande chiesa in costruzione. Un incontro decisivo, poiché la storia di Santa Maria del Mar sarà il cardine delle tormentate vicende della sua esistenza. Figlio di un servo fuggiasco, nella capitale catalana Arnau trova rifugio e quella sospirata libertà che a tutt’oggi incarna lo spirito di Barcellona, all’epoca in pieno fermento: i vecchi istituti feudali sono al tramonto e mercanti e banchieri in ascesa, sempre più influenti nel determinare le sorti della città, impegnata in aspre battaglie per il controllo dei mari. Intanto l’azione, dell’Inquisizione minaccia la già non facile convivenza fra cristiani, musulmani ed ebrei… Personaggio di inusuale tempra e umanità, Arnau non esita a dedicarsi con entusiasmo al grande progetto della “cattedrale del popolo”. E all’ombra di quelle torri gotiche dovrà lottare contro fame, ingiustizie e tradimenti, ataviche barriere religiose, guerre, peste, commerci ignobili e indomabili passioni, ma soprattutto per un amore che i pregiudizi del tempo vorrebbero condannare alle brume del sogno…
RECENSIONE
“La cattedrale del mare” è un romanzo che narra la storia di personaggi diversi,di Bernat,che dopo che la moglie viene presa con forza insieme al figlio al castello del vassallo del territorio,cerca in ogni modo di riprendersi il figlio lasciato a morire di fame.Quando ci riesce Bernat capisce di essere in serio pericolo e decide di scappare e di andare a Barcellona dove vige la regola che dopo un anno di permanenza in città si può avere la cittadinanza barcellonese. Bernat là ha una sorella sposata con un importante commerciante e fabbricante di vasi per contenere cibo ecc…Appena arrivato a Barcellona si rivolge a lei.Per vari motivi,che dovete ovviamente scoprire voi leggendolo,Bernat muore e il figlio Arnau si ritrova solo con suo fratello acquisito Joan. Bernat diventa bastaixos cioè coloro che trasportano le pesanti pietre per costruire la cattedrale.Narra la storia di Arnau in primis ,ma avvolto da tanti personaggi come Joan,Maria,Aledis e tanti personaggi di contorno,ma fondamentali per la storia. Il tutto si svolge attorno alla costruzione di una delle più belle chiese Barcellonesi la Cattedrale del Mare,che da appunto il nome al romanzo.
Questo romanzo ha venduto milioni di copie e si capisce il perchè leggendolo.L’ho comprato davvero a poco prezzo ma ne vale molti di più perchè è proprio quel genere di romanzo storico per certi versi romantico per altri anche thriller che piace leggere a me.Non ero abituata a leggere nomi di re e vassalli essendomi concentrata molto sul periodo nazifascista e sentire anzi leggere tutti questi nomi mi ha un destabilizzato tanto da non capire a volte di chi parla.Tizio che fa la guerra a Caio,so che è poco ortodosso,ma è una cosa prettamente personale capirci poco dei re,ma una cosa l’ho capita da questo romanzo.La chiesa cattolica in tutta la storia del Medioevo ha avuto un importanza pazzesca anche se in modo molto molto molto negativo.L’inquisizione ti ritiene un eretico anche per aver rubato,per fame,dei fagioli,se non consumi il tuo matrimonio,se appoggi un amico.Per la chiesa cattolica del tempo tutti erano eretici perchè come dice il detto “Chi non ha peccato scagli la prima pietra” e la chiesa di peccati ne ha fatti e anche tanti come quello di appoggiare una guerra per acquisire territorio.Io non sono molto cattolica perchè non accetto questi comportamenti da chi annuncia pace e amore,ma questo è un altro discorso,ma vi dico solo che la chiesa ha un ruolo quasi fondamentale in questo romanzo sia in modo negativo che in positivo.Leggetelo tutto d’un fiato perchè sono sicura che non riuscite a chiudere questo libro e a non pensare a come aiutare Arnau.
Precedente Alla scoperta di...Wulf Dorn Successivo La psichiatra-Recensione