La bellezza dell’attesa di Nicoletta Prestifilippo-Recensione

Recensione in collaborazione con la casa editrice

Una storia di anime inquiete, un’alcova, un rigoglio di sensi e di vedute che nella bellezza dell’attesa e nel ritrovo di pochi, spesso cari e scelti, trova una risorsa e un terreno fertile per un miglioramento agognato, e la nuova vita che verrà. Nicoletta Prestifilippo regala una nuova, intensa storia alla collana “Istantanee”.

 

 

 

 

 

“La bellezza dell’attesa” è un romanzo che definirei “particolare” e vi spiego perché.
Il romanzo della neo scrittrice Nicoletta Prestifilippo narra la storia di questa ragazza che fa la bidella in una scuola elementare e materna,e intorno al suo lavoro e alle sue passioni prende vita la sua vita,
Ella è una donna eternamente ragazza che grazie al suo lavoro riesce a vedere il mondo sia con gli occhi di una adulta, ma soprattutto di una bambina. Ma nella sua vita il lavoro non è tutto. Una piccolissima frazione del suo tempo la dedica all’amore,quell’amore che come una corda fa avanti e indietro, quell’amore che deve essere nascosto quando invece vorrebbe gridarlo al mondo. Quell’amore verso Maurizio,maestro d’Italiano che tutti vedono come un uomo d’un pezzo,ma un bravissimo insegnante amato dai neo studenti e non solo…
Ogni capitolo si apre con una bellissima riflessione che ci porta passo passo al bellissimo finale in cui lei riscopre la magia del viaggio e l’importanza di esso nella vita di ogni giorno,perchè ogni tanto è giusto guardare la realtà della nostra vita da lontano.

Il romanzo,devo ammettere,che mi è piaciuto tantissimo,molto leggero,piccolino (circa 140 pagine),ma molto intrise di significato,un linguaggio semplice anche nelle riflessioni e quindi la leggibilità è ottima! Io ve lo consiglio tantissimo perché,mi ripeto,nella sua piccolezza è veramente una piccola perla!
Vi lascio con una frase che mi è piaciuta particolarmente,ma ne ho sottolineate veramente tante che ogni tanto andrò a rileggere perché veramente profonde.

 

 

 

Errante è colui che non rifiuto un principio di viaggio e mette i passi in fila,prima di imporre loro una destinazione. Per la stessa ragione del viaggio,diceva qualcuno…

Precedente L'amico ritrovato - Recensione Successivo Shiori Ito: una giapponese contro tutti