Avete mai provato un audiolibro?

Ascoltando un audiolibro vi accorgerete di tutte le sfumature che vanno perse con la lettura silenziosa…”

Oggigiorno chi legge, lo fa in silenzio, a mente. Anche a scuola, dove prima l’insegnante perseverava sulla “lettura ad alta voce”, adesso desistono anche loro. Molti dei nostri giovani non sa leggere ad alta voce, vuoi per la timidezza, vuoi per la mancanza di basi fonetiche in Italia si legge sempre meno.
Per questo, ultimamente, si sta cercando di andare incontro ad ogni esigenza. Spesso non leggiamo perchè la nostra vita è frenetica, abbiamo fretta di correre da una parte all’altra, ci muoviamo in macchina, in metro, in bus e li la voglia di leggere decresce sempre più.
Ma se vi dicessi che un libro può essere ascoltato?
Sul mio profilo instagram, allora, è sorta una domanda :

 

CONOSCETE STORYTEL?

Storytel è un applicazione, che ho avuto modo di provare , che ti permette di ascoltare un libro in tutta comodità in macchina, in bus, in metro. Basta avere uno smartphone e, perchè no, delle cuffie.
Storytel nel suo catalogo conta più di 80mila audiolibri in diverse lingue, di cui più di 40mila in inglese. Mentre per quanto riguarda l’italiano in catalogo ne troviamo più di 3000.
La particolarità di questo servizio è la comodità di poter ascoltare un libro, letto nella maniera giusta, con le giuste pause e la giusta metrica, comodamente quando si vuole. Nel catalogo, inoltre, potete trovare anche libri appena usciti da case editrici come Fazi o Dea, spesso anche in anteprima, ma non solo!
All’interno dell’applicazione trovate anche dei podcast, cioè delle “serie” a puntate che trattano argomenti diversi, una sorta di programma radiofonico a cadenza giornaliera o settimanale.
Abbonarsi a storytel è molto semplice. Basta scaricare l’applicazione e iniziare la prova gratuita di 14 giorni, dopo il suo costo è di €9,99 al mese, ma potete disdire l’abbonamento quando volete, anche solo dopo i 14 giorni di prova!

Per quanto riguarda la mia esperienza trovo l’applicazione, e comunque il concetto di audiolibro, fantastico. Mi trovo spesso in macchina, a guidare o in palestra, senza voglia di ascoltare musica e allora accendo l’audiolibro e ascolto quello. Ammetto che il suo utilizzo è limitato, per quanto mi riguarda, ai momenti morti della giornata, quando sto al pc (in questo preciso istante) o come ho detto prima quando non ho voglia di musica. Adoro questa opportunità di “leggere” un libro che magari,in cartaceo, non avrei mai letto ne recuperato. Per me è un modo di uscire dalla mia confort zone e avventurarmi in generi misteriosi.
In conclusione, se ne avete la possibilità, provate questo metodo alternativo di lettura vi sorprenderà.

Precedente "Perduti nei quartieri spagnoli" di Heddi Goodrich- Recensione Successivo Blog Tour- Cuore Sordo di Barbara Ghinelli- Analisi antropologica

Lascia un commento