Cambiare paese per cambiare vita

di Diletta Alaimo

 

Risultati immagini per cambiare paese e vita

Da molto tempo,ormai,tanti ragazzi miei coetanei sono costretti ad emigrare in cerca di un lavoro o comunque alla cerca di qualcosa che premi tutti i sacrifici compiuti in anni ed anni di studio. Spesso noi del sud siamo dobbiamo trasferirci nel nord Italia con la consapevolezza di non poter più fare ritorno: così,lasciamo famiglia amici e tutto il resto nella speranza di costruire una vita migliore.

Ma può anche accadere che tantissime ragazze decidano di sfondare nel mondo della moda o del cinema, trasferendosi in America però,giunte lì,qualcosa non va e finiscono col fare tutt’altro: le ballerine nei night club.

Immagine correlata

 

Da premettere che la libertà individuale è l’elemento fondamentale all’interno della vita di ognuno ed in quanto tale va rispettata,sia che si decida di fare l’insegnate di italiano agli stranieri,sia che si decida di mettersi in topless su un cubo e ruotare attorno ad un palo (cosa che,fra l’altro,è abbastanza difficile!)

L’unico elemento che mi incuriosisce è il motivo per cui le giovanissime intraprendano questo mestiere che,al di là di tutto,potrebbe risultare persino pericoloso.

Ho raccolto la storia di una ragazza che mi ha spiegato di non riuscire a trovare lavoro in Italia e,per mantenersi gli studi e non gravare economicamente sulla famiglia,lavorava come cameriera ma,a volte,era costretta a chiedere aiuto ai genitori. Essendo molto bella,di tanto in tanto,posava per pubblicità di prodotti locali ma niente di che,così decise che l’ultima carta da giocare poteva essere il suo corpo e fatte le valigie,prese un volo per Miami dove pensava che avrebbe trovato un impiego come modella e fotomodella: è meraviglioso sognare – chi non lo fa- ma bisogna fare i conti con la realtà ed alla fine si è ritrovata a fare la ballerina in un noto night club di Miami,appunto.

I guadagni sono molto alti ( si parla di di quasi 1500 dollari  a sera),il locale è spesso frequentato da personaggi famosi ma anche e soprattutto da gente comune che se viene particolarmente colpito da una ragazza,ha la possibilità di appartarsi ed avere uno spettacolo privato della durata di 30 minuti senza,però,andare oltre; infatti una delle regole di questi locali è che la prostituzione è assolutamente vietata e le giovani non possono neanche fornire il numero di telefono personale,come se fossero proprietà privata del gestore che, a senso suo, esercita una specie di  tutela nei confronti delle giovani donne.

Naturalmente le famiglie non sono al corrente di tutto ciò, un po’ perché non capirebbero ed un po’ perché,come nel caso di questa ragazza, c’è la vergogna che assale ed è meglio far credere che sia tutto rose e fiori.

 

Io non voglio giudicare,non è mio compito perché leggere o ascoltare le storie di certe ragazze fa veramente tanta tristezza ma non perché abbiano  deciso di intraprendere questa strada ma per il semplice fatto di non avere scelta. E’ già inconcepibile che un qualunque ragazzo della mia età debba pensare,oltre che a studiare ed affrontare il mondo universitario, debba essere costretto a lavorare ma è ancora più assurdo che un paese come l’Italia ricco di storia,arte e cultura non metta nelle condizioni di lavorare e condurre una vita tranquilla ma,al contrario,mandi via tanta gente senza più una speranza.

Non è concepibile che si debba ricorrere al proprio corpo per poter sopravvivere (esistono anche persone che lo fanno senza sentirsi costretta,ci tengo a precisarlo) : allora quando il tempo incalzerà anche sul fisico di queste ragazze,cosa succerà? Dove andranno? Cosa faranno? Qualcuno si è mai posto il problema?

Io sì ma non ho ancora trovato una risposta.

Risultati immagini per italia malata

 

Precedente Caffè Amaro di Simonetta Agnello Hornby- Recensione Successivo Fai piano quando torni di Silvia Truzzi- Recensione

Lascia un commento

*